Ogni tanto i ricordi   Leave a comment


SOFFERENTE IMPOTENZA
 
Mi sento
e tutto intorno a me tace di scherno,
il tempo cavalca come al solito d’impeto e fretta,
mentre il mio dolore si consuma
pensando al fatidico giorno;
che dirle? che fare? la perdo, scompaio.
Mi perdo
nel vuoto dei miei pensieri,
tutto rimbomba sui toni inesorabili dell’infamia,
egoista! codardo! ignobile! beffardo!
L’altro me si fa gioco del mio tentennare:
"Che fai? Tu che decanti l’amore nelle sue multiforme,
l’hai elevata alle più alte vette ed ora la rinneghi?
Non hai il coraggio di amarla fino in fondo
tanto da gridarlo a tutto il mondo?
Dov’è ora l’amore che a Dio ed alle sue creature
hai elevato?Vigliacco!"
Eccomi buttato per terra, tra il fango e la cenere,
mi trovo a piangere su me stesso,
desideroso di voler cambiare, incapace di farlo
rivedo la mia immagine allo specchio,
di uomo cosciente del proprio destino
incapace ahimè di un istante mutarlo.
Salvatore
Annunci

Pubblicato 11 giugno 2006 da Salvatore Angius in Senza categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.